Quanto Vale Un BitCoin? Il Valore Bitcoin Nel Corso Degli Anni

Quanto vale un Bitcoin? Nel 2009 Bitcoin non è stato scambiato su alcuna borsa. Il suo primo prezzo registrato è stato nel 2010. Tecnicamente, il valore Bitcoin era di $ 0 nel 2009 durante il suo primo anno di esistenza!

Quanto valeva un Bitcoin nel 2010?
Il valore Bitcoin non ha mai superato $ 1 nel 2010, il suo prezzo più alto per l’anno era solo $ 0,39!

Diversi mercati denominati “Bitcoin Exchange” consentono alle persone di acquistare o vendere Bitcoin utilizzando diverse valute.

  • Mt Gox, con sede in Giappone, è la più grande borsa Bitcoin. È stato lanciato a luglio 2010 e nel 2013 gestiva il 70% di tutte le transazioni Bitcoin.
  • Le persone possono anche inviare Bitcoin l’un l’altro usando le app mobili oi loro computer nello stesso modo in cui le persone inviano denaro in contanti.
  • Il valore di Bitcoin ha oscillato selvaggiamente da quando sono stati introdotti e raggiungendo un livello record.
  • Nel 2013, quando hanno raggiunto ​​per la prima volta l’attenzione del pubblico, il valore è salito del 10.000% prima che il prezzo crollasse.
  • A settembre 2016, un Bitcoin veniva scambiato per circa 469 sterline.
  • Nell’ottobre 2017, un Bitcoin è stato scambiato per oltre 4.000 sterline, secondo il rilevatore di valute XE.com.
  • E a partire dal 17 gennaio 2018, un Bitcoin vale £ 7445,86 ($ 10,500).

Ma chiunque pensi di investire in Bitcoin o in un’altra criptovaluta dovrebbe fare molta attenzione.

Il valore Bitcoin e delle altre criptomonete sono volatili, con la capacità di sia precipitare che salire rapidamente.

Il 9 gennaio 2018, Bitcoin e le altre principali valute hanno colpito il pavimento dopo che la piattaforma di monitoraggio principale Coinmarketcap ha deciso di escludere i prezzi di negoziazione dalla Corea del Sud – un mercato importante la cui assenza ha spaventato gli investitori già nervosi.

Cosa determina il prezzo di Bitcoin?

 

Il prezzo di Bitcoin è misurato rispetto alla valuta fiat, come Dollari americani (BTCUSD), Yuan cinese (BTCCNY) o Euro (BTCEUR). Bitcoin quindi appare simile a qualsiasi simbolo scambiato sui mercati exchange.

A differenza delle valute legali, tuttavia, non esiste un prezzo ufficiale del Bitcoin; solo diverse medie basate sui feed di prezzo da scambi globali. Bitcoin Average e CoinDesk sono due di questi indici che riportano il prezzo medio. È normale che Bitcoin operi su uno scambio singolo a un prezzo leggermente diverso dalla media.

Ma a parte discrepanze, quali fattori determinano il valore Bitcoin?

Domanda e offerta

La risposta generale al “perché questo prezzo?” È “domanda e offerta”. La scoperta dei prezzi avviene nel punto di incontro tra la domanda degli acquirenti e la fornitura dei venditori.

Adattando questo modello al Bitcoin, è chiaro che la maggior parte delle forniture è controllata da early adopter e minatori.

Liquidità

Ispirato alla rarità dell’oro, Bitcoin è stato progettato per avere una fornitura fissa di 21 milioni di monete, di cui oltre la metà sono già state prodotte.

Molti dei primi ad adottare questa strategia furono saggi o abbastanza fortunati da guadagnare, comprare o estrarre grandi quantità di Bitcoin prima che avesse un valore significativo. Il più famoso di questi è il creatore di Bitcoin, Satoshi Nakomoto. Si ritiene che Satoshi contenga un milione di bitcoin o circa il 4,75% dell’offerta totale (di 21 milioni).

Se Satoshi dovesse scaricare queste monete sul mercato, il conseguente eccesso di offerta ne ridurrebbe il prezzo. Lo stesso vale per qualsiasi detentore principale. Tuttavia, ogni individuo razionale che cerca di massimizzare i propri profitti distribuirà le proprie vendite nel tempo, in modo da minimizzare l’impatto sui prezzi.

Attualmente i minatori producono circa 3.600 bitcoin al giorno, parte della quale viene venduta per coprire l’elettricità e altre spese aziendali. Il costo energetico giornaliero di tutte le miniere è stimato intorno ai $ 500.000. Dividere il totale in base al prezzo corrente di BTCUSD fornisce un’approssimazione del numero minimo di bitcoin che i minatori riforniscono quotidianamente sui mercati.

Richiesta

Con l’attuale premio minerario di 12,5 BTC per blocco, l’offerta di Bitcoin si gonfia intorno al 4% all’anno. Questo tasso scenderà drasticamente nel 2020, quando si verificherà il prossimo dimezzamento della ricompensa.

Il prezzo di Bitcoin è in aumento nonostante una così alta inflazione (e che sia cresciuto in passato quando il premio era di 50 BTC!) Indica una domanda estremamente forte. Ogni giorno, gli acquirenti assorbono le migliaia di monete offerte da minatori e altri venditori.

Un modo comune per valutare la domanda dei nuovi arrivati ​​sul mercato è monitorare i dati delle tendenze di Google (dal 2011 ad oggi) per il termine di ricerca “Bitcoin”.

Tale riflessione sull’interesse pubblico tende a correlarsi fortemente con il prezzo. Elevati livelli di interesse pubblico possono esagerare l’azione sui prezzi; i resoconti dei media sull’aumento dei prezzi dei Bitcoin attirano speculatori avidi e disinformati, creando un ciclo di feedback.

Questo in genere porta a una bolla seguita da un incidente. Bitcoin ha sperimentato almeno due di questi cicli e probabilmente ne sperimenterà di più in futuro.

Al di là degli specialisti inizialmente attratti dal Bitcoin come soluzione ai problemi tecnici, economici e politici, l’interesse del pubblico in generale è stato storicamente stimolato dai blocchi bancari e dalle crisi valutarie legali.

Blocchi bancari

Probabilmente il primo esempio di questo tipo è stato il blocco bancario di WikiLeaks del 2010, con il quale VISA, MasterCard, Western Union e PayPal hanno cessato di effettuare donazioni a Wikileaks.

A seguito di una richiesta di Satoshi, Julian Assange si è astenuto dall’accettare Bitcoin fino a metà del 2011. Tuttavia, questo evento ha fatto luce sul valore unico di Bitcoin come moneta elettronica resistente alla censura.

Il blocco più recente si è verificato quando MasterCard e VISA hanno inserito nella lista nera Backpage.com, un sito in stile Craigslist che elenca, tra l’altro, i servizi per adulti. I fornitori di servizi per adulti il ​​cui sostentamento dipende da tale pubblicità non hanno modo di pagare per questo oltre a Bitcoin.

Per quanto riguarda gli affari che le banche non toccheranno (apertamente), non si può evitare di menzionare i mercati delle droghe darknet. Mentre il luogo più famoso (Silk Road) è stato rimosso, il commercio di contrabbando per bitcoin continua senza sosta sulla darknet.

Sebbene solo il 5% degli utenti britannici abbia ammesso di acquistare stupefacenti con Bitcoin, tale cifra è probabilmente sottostimata per ragioni di rischio legale. Infine, la controversia dei media sui mercati darknet ha probabilmente portato Bitcoin all’attenzione di molti che altrimenti non l’avrebbero incontrato.

Fiat Currency Crises

Un portafoglio Bitcoin può essere molto più sicuro di un conto bancario. I ciprioti lo hanno imparato a fondo quando i loro risparmi sono stati confiscati all’inizio del 2013. Questo evento è stato segnalato come causa di un’impennata dei prezzi, in quanto i risparmiatori hanno ripensato ai rischi relativi delle banche rispetto a Bitcoin.

Il prossimo domino a cadere è stata la Grecia, dove sono stati imposti severi controlli sul capitale nel 2015. I greci sono stati sottoposti a un limite giornaliero di ritiro di € 60. Bitcoin ha dimostrato ancora il suo valore come denaro senza controllo centrale.

Subito dopo la crisi greca, la Cina iniziò a svalutare lo yuan. Come riportato al momento, i risparmiatori cinesi si sono rivolti a Bitcoin per proteggere la loro ricchezza accumulata.

Un attuale influencer positivo del prezzo del Bitcoin, o almeno della percezione, è la situazione argentina. Il neoeletto presidente argentino, Mauricio Macri, si è impegnato a porre fine ai controlli sui capitali, eliminando l’ampia disparità tra il peso ufficiale e quello del mercato nero. 

I tassi di cambio dell’USD. Gli argentini che possono acquistare bitcoin usando dollari del mercato nero probabilmente eviteranno un considerevole dolore finanziario.

Manipolazione del mercato

Nessuna discussione sul prezzo di Bitcoin sarebbe completa senza menzionare il ruolo che la manipolazione del mercato gioca nell’aggiungere alla volatilità dei prezzi.

A quel tempo, il massimo storico di Bitcoin sopra $ 1000 era in parte guidato da un algoritmo di trading automatico, o “bot”, in esecuzione sul monte. Scambio Gox.

Tutte le prove suggeriscono che questi robot operavano in modo fraudolento sotto la direzione dell’operatore di cambio, Mark Karpeles, rilanciando il prezzo con i fondi fantasma.

Mt. Gox è stato il principale scambio di Bitcoin al momento e l’indiscusso leader del mercato. Oggigiorno ci sono molte grandi borse, quindi una singola borsa che non funziona non avrebbe un effetto così grande sul prezzo.

Maggiori rischi al ribasso

Si ribadisce che Bitcoin è un progetto sperimentale e, in quanto tale, una risorsa altamente rischiosa. Ci sono molti fattori di influenza negativi sul prezzo, tra cui il rischio legislativo di un grande governo che vieta o regola severamente le attività di Bitcoin.

Anche il rischio che la rete Bitcoin si diffonda lungo percorsi di sviluppo diversi è qualcosa che potrebbe minare il prezzo. Infine, l’emergere di un concorrente credibile, forse con il sostegno di importanti banche (centrali), potrebbe vedere Bitcoin perdere quote di mercato in futuro.

Oddities di prezzo

A volte il prezzo di uno scambio può essere completamente diverso dal prezzo di consenso, come accaduto per un periodo prolungato sul monte. Gox prima del suo fallimento e recentemente sullo scambio Gemini di Winkelvoss.

A metà novembre 2015, il valore Bitcoin BTCUSD ha toccato $ 2200 su Gemini mentre negoziava circa $ 330 su altre borse. I mestieri furono successivamente invertiti. Tali eventi si verificano occasionalmente negli scambi, a causa di errori umani o software.

Il valore Bitcoin in definitiva è ciò che la gente comprerà e venderà per. Questo è spesso una questione tanto di psicologia umana quanto di calcolo economico. Non permettere alle tue emozioni di dettare le tue azioni sul mercato; questo si ottiene meglio determinando una strategia e attenendosi ad essa.

Se il tuo obiettivo è accumulare Bitcoin, un buon metodo è mettere da parte una somma fissa e accessibile ogni mese per comprare bitcoin, indipendentemente dal prezzo. Nel corso del tempo, questa strategia (nota come media del costo del dollaro), ti permetterà di accumulare bitcoin ad un prezzo medio decente senza lo stress di cercare di prevedere le rotazioni a volte selvagge del valore Bitcoin.

Cosa succederà con il trading sui future di Bitcoin?

Questo ultimo sviluppo potrebbe avere un enorme impatto sul successo finale del valore Bitcoin.

I futures, come sono noti, consentono a due parti di scambiare un’attività a un prezzo specifico in una data concordata in futuro.

Ogni valore Bitcoin combinato attualmente esistente è di circa $ 274 miliardi, più della maggior parte delle grandi aziende.

In teoria, gli investitori saranno ora in grado di scommettere contro la moneta, che potrebbe aiutare a trovare il vero valore Bitcoin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *